Pagine

lunedì 29 luglio 2013

Rifugio Sasso Bianco

Il Rifugio Sasso Bianco
Come Arrivare:
Raggiungere il piccolo abitato di Costoia, frazione di San Tomaso Agordino. Il punto di partenza è la piccola piazza dell'abitato.

Riferimento Cartografico: Tabacco n. 15 Sentiero 623-682

Difficoltà: Media

Il percorso inizia dall'abitato di Costoia, la salita è molto impegnativa, principalmente per due motivi, uno è la pendenza e il secondo è la mancanza di segnaletica precisa.
A causa della poca segnaletica siamo stati costretti ad arrivare fino a Forcella Sciota, per poi riscendere e trovare il cartello che segnalava il rifugio. Una volta ripartiti dal Rifugio Sasso Bianco si segue la via, molto più semplice, che porta verso l'abitato di Piaia, una volta iniziata la strada bianca, dopo pochi minuti si trova un segnale che indica "Costoia", li si segue un sentiero ben segnalato che ci riporta al punto di partenza.


Il Percorso dell'escursione:



Il percorso su Google earth:




Annotazioni e consigli utili:
Stralcio di panorama dalla forcella
L'itinerario è sicuramente più facile se invece che partire da Costoia si parte dalla frazione di Piaia.
Partendo da Costoia risulta molto impegnativo soprattutto per la pendenza e per la poca segnaletica presente.
Il rifugio è molto accogliente e molto "familiare".
E' un escursione molto "solitaria", una parte delle dolomiti agordine non frequentata, il che non è da sottovalutare, soprattutto per chi ama la montagna per i suoi silenzi.
Dopo tutto anche con l'errore commesso durante l'escursione, l'essere arrivati fino a forcella Sciota non è stato così male, perchè da qui si apre un bel panorama verso la valle.

Alcune fotografie dell'escursione: